TU CHIAMALA SE VUOI…PROMOZIONE

“La vita non è quella che si è vissuta ma quella che si ricorda, e come la si ricorda per raccontarla”
Gabo

Non è stato solo quell’insolito martedì 16 giugno quando verso le 18.45 arrivava la telefonata tanto segreta quanto lapidaria del nostro navigato Renzo che ci dichiara…siamo in PROMOZIONE…c’era chi sorseggiava stancamente al circolo l’aperitivo del fine giornata, chi conversava nel plateatico, chi tesseva trattative in segreteria…dopo pochi secondi si è formato un corpo unico, fatto di abbracci, esultanze, calici al cielo e occhi lucidi…perché il terminale di questa travolgente passione che si chiama calcio sono proprio le emozioni che crea, la soddisfazione di ottenere un qualcosa, che rimanga nella memoria di chi ha partecipato e di tutti coloro che si sono sentiti coinvolti…è tutto quello che basta.

Anche se parte tutto da più lontano, da quel 12 giugno 2013, quando tre sgangherati accettarono di intraprendere una folle avventura…gestire una società di calcio semplicemente di nome AUDACE!...un matusa di quasi 40 anni da sempre ala destra ancora testardamente attivo, un giovane e robusto portiere, un bancario in età pensionabile. Un gruppo apparentemente sprovveduto, senza arte né parte, fortemente eterogeneo, ma accomunato da due ingredienti dimostratisi imprescindibili e vincenti: PASSIONE ED ENTUSIAMO.

Allora di notte in quel locale di San Michele a scrivere sulle tovagliette di carta chi avrebbe potuto accettare la proposta di integrare la rosa composta da qualche giocatore già vincolato…eravamo in ritardo e poco credibili…dovevamo affrontare il campionato di prima categoria.

Si arriva tra comprensibili difficoltà all’ultima giornata…Scaligera – Audace…un solo punto di differenza che nostro malgrado ci impone solamente di vincere per evitare i play out…in campo i due terzi della società…andiamo in vantaggio, poi il “matusa”, proprio lui, maledettamente lui, verso la fine, in un rientro affannoso travolge in area la punta della Scaligera…rigore…la disperazione sportiva si trasforma dopo un minuto in una commovente esultanza quando il “giovane e robusto portiere” respinge in tuffo…e sul capovolgimento raddoppiamo…emozioni pazzesche e fiumi di lacrime…SALVEZZA.

Inizia la possibilità finalmente di poter pianificare le stagioni successive con tempi consoni e grazie al contributo di dirigenti che hanno saputo dare un forte impulso alla crescita della squadra…Marco Sartori, direttore sportivo per due anni, ha avuto il merito di allestire una squadra competitiva con accortezza alle disponibilità finanziarie e non casualmente già al primo anno sfioriamo la promozione perdendo la finale play off…pazienza, anche perché in panchina alla guida della squadra era stato promosso nel frattempo lui…Matteo Biroli…il “giovane e robusto portiere”…che proprio in quella stagione portava un prestigioso trofeo in bacheca con la sua Juniores élite…CAMPIONI VENETI!

Poi un buon campionato carico di aspettative finito al settimo posto, le incomprensioni che sorgono anche nelle migliori famiglie ed il nuovo percorso tecnico scelto da Biro andato in cattività in altri lidi…era solo un momento di riflessione…poi la successiva amara e meritata retrocessione in seconda categoria.

Ma solamente riconoscendo i propri errori si dimostra di potersi evolvere, ed è quello che è successo già l’indomani di quel 23 aprile 2017, il giorno della sentenza che ci condanna, quando la reazione rabbiosa ma ragionata ci ha portato ad allestire una squadra molto competitiva ma che potesse dare continuità nel tempo…e così è stato perché molti di quei giocatori sono tuttora presenti…merito di Gino Crema, allora direttore sportivo, nel contribuire a concretizzare l’intenzione della società di iniziare un percorso lungimirante. Il ritorno in prima categoria a cinque giornate dalla fine è un’esplosione di gioia!

Inizia un nuovo biennio con la conduzione sportiva della coppia Roberto Tenero e Nicola Brunelli, strappati dal rettangolo di gioco dove, il primo più che il secondo, avrebbe voluto festeggiare l’ingresso anagrafico negli… “anta”…nonostante neofiti dimostrano da subito grande padronanza del ruolo grazie alla loro capacità comunicativa e di relazione…buon settimo posto giocando un bel calcio.

E si arriva ad oggi, o meglio all’inizio della stagione che crea una certa eccitazione e curiosità…torna in panchina l’artefice di quello che lascerà un solco nella nostra giovane esperienza dentro l’immensa storia audacina…non più “il giovane e robusto portiere” ma il Maestro, Matteo Biroli…colui che ha dimostrato che nei dilettanti il risultato può essere una conseguenza di un modo di fare calcio non improvvisato ma frutto di un’idea precisa, applicata, allenata…un sistema calcio…IL SISTEMA AUDACE…che non vuole scimmiottare altre realtà blasonate, ma l’applicazione di un metodo proprio in cui chi è coinvolto possa rendere al massimo in un insieme coordinato di movimenti nei tempi giusti, senza inibire l’iniziativa del singolo…un sistema, che massimizza la qualità di tutti i giocatori che vi entrano a far parte. E allora mettiamoci un po’ di sana autocelebrazione dicendo che la nostra promozione è giusta per due motivi…uno trasversale, comune, che riguarda tutte le squadre che per questioni di classifica, di numeri, hanno ottenuto meritatamente questo traguardo…l’altro esclusivo e riguarda l’Audace perché ha giocato il più bel calcio del campionato…divertente, arrembante, ragionato, verticale, prolifico…

Sarebbe bello nominare tutti questi splendidi ragazzi ma rendiamo il giusto merito dando loro un denominatore comune…SQUADRA…una definizione che per voi ha un significato elevato rispetto al suo uso comune…un gruppo intimamente coeso, ambizioso, vincente…vi avevamo chiesto di sentirvi orgogliosi di indossare la maglia di una società che è stata per 60anni la seconda forza calcistica veronese...ora sarete orgogliosi di essere entrati prepotentemente a far parte della sua gloriosa storia…grazie ragazzi! E poi lo straordinario staff, Giorgio Saccomani, Manuel Candeo, Nicola Vesentini, Filippo Bogoni, Andrea Muraro, Tampe all’anagrafe Stefano Dalla Valentina…persone con una competenza e valore morale eccellenti.

Racconti di dolci fatiche, di aspettative, di scontri, di emozioni, di VITA…quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla…

Audace amore infinito

Promozione 1 Promozione 2 Promozione 3 Promozione 4

  • 250x73-riovalli
  • 250x73 GC-sistemi
  • 250x73 avelia
  • 250x73 pulire
  • antonio-alestra
  • apconsulting
  • banca-generali
  • banca-mediolanum
  • bevande-verona
  • colorificio-maraia
  • ebe--sistemi
  • essepi-pro-tech
  • flli-ledri
  • fn8
  • fst
  • jc-jumbo
  • lsv
  • mot-trasporti
  • packaging-solution
  • pianeta-ufficio
  • primacasa
  • townbyjumbo
  • tuttoigiene
  • vetrocar